Logo_AmM_Circolare.png
intestazione Black.png
  • Instagram
  • Facebook
  • YouTube

SELVAGGIO BLU

Il Selvaggio Blu è considerato uno dei trekking più difficili d’Europa. E’ un percorso impegnativo situato nel territorio di Baunei nel cuore dell’Ogliastra, un territorio molto aspro e severo caratterizzato da un ambiente unico e selvaggio.
Gli intricatissimi sentieri mettono a dura prova il senso dell’orientamento e ci avvicinano verso una stretta connessione con la natura tra fitte leccete, olivastri centenari e punti panoramici da toglier il fiato.

GOPR1541.JPG

Il Percorso

Durata: 5 giorni e 4 notti all’aperto.
Itinerario complessivo da Pedra Longa a Cala Sisine composto da 5 tappe per un totale di circa 40 km di sviluppo e 4000 metri di dislivello. 
Mediamente si percorreranno circa 10-12 km al giorno con un dislivello positivo medio giornaliero di 1000 metri. 
Tipo di percorso: sentieri, campi solcati, passaggi esposti, calate in corda doppia, brevi tratti di facile arrampicata.

Programma

1 giorno, arrivo in Sardegna e trasferimento a Baunei (3 ore di auto), cena e pernottamento in bungalow con prima colazione.

2 giorno, trasferimento presso l’inizio del trekking per percorrere la prima tappa Pedra Longa – Monte Ginnircu. Pernotto in tenda e cena all’aperto. Tappa senza nessuna difficoltà tecnica.

3° giorno, da Monte Ginnirco a Porto Pedrosu/o porto Cuao. Tappa con alcuni passaggi tecnici ed esposti.

4° giorno, Porto Pedrosu/Cala Goloritzè, tappa abbastanza lunga tecnicamente non difficile

5° giorno, da Cala Goloritzè a Bacu Padente, 

6° giorno, da Bacu Padente a Cala Sisine

7° giorno, rientro a Baunei, cena e pernottamento in bungalow con prima colazione conclusione del viaggio e rientro a casa

Materiale necessario

Scarpe/scarponcini da escursionismo con tomaia e suola robusta
Vestiario tecnico
Zaino da almeno 30 litri
Tenda
Sacco a Pelo
Materassino
Vestiti di ricambio per una settimana
Attrezzatura per effettuare calate in corda doppia
Casco
Tutto il necessario verrà visto nel dettaglio prima della partenza

Attività rivolta a:

Persone allenate con spirito avventuroso che on soffrano di vertigini.

Domande Frequenti

E’ un percorso fattibile per chi non ha mai praticato arrampicata o alpinismo?
I tratti alpinistici in cui è necessario effettuare passaggi di arrampicata vengono messi in sicurezza con corde e dispositivi di sicurezza in cui la guida presta assistenza costante a chiunque avesse particolare bisogno. I tratti di arrampicata sono molto semplici e non occorre essere necessariamente climbers.

In cosa consiste effettuare una calata in corda doppia?
La calata in corda doppia permette di discendere in sicurezza una falesia rocciosa attraverso l’utilizzo di corda e discensore. La guida una volta predisposta la manovra calerà ciascun membro del gruppo alla base dell’ostacolo per poi proseguire con il trekking. Durante il Selvaggio Blu questa operazione si presenterà in totale 6 volte.

Serve un allenamento particolare per intraprendere percorsi di questo tipo?
Il trekking è impegnativo sia tecnicamente che fisicamente, occorre essere in grado di camminare per più giorni e non soffrire di vertigini. Inoltre il fatto di dormire in tenda comporta un certo spirito di adattamento. 

Durante il trekking occorre portarsi tutto il necessario per 5 giorni nello zaino?
Questo trekking viene svolto in maniera assistita: infatti grazie al supporto di un team dedicato che si occuperà della logistica ogni sera avremo l’occorrente per allestire i bivacchi, il necessario per lavarsi i vestiti di ricambio, le cene pronte, in questo modo durante le giornate si camminerà con uno zaino leggero.

Attività in collaborazione con 
Guide Alpine PROUP 

LEGGI IL RACCONTO SUL BLOG

selvaggio blu kalipé davide canil.JPG

GUARDA IL VIDEO